Società di Trading: Definizione

Articolo aggiornato il 13 marzo 2019

In molti si chiedono cosa siano le società di trading dette anche trading company e sopratutto in cosa consistano. Cercheremo di spiegarlo in maniera semplice in modo che sia di facile comprensione, sopratutto per chi comincia ad avvicinarsi nel mondo del forex per la prima volta.

Società di Trading: Definizione

Genericamente, nel diritto, sono considerate tali tutte le organizzazioni che si occupano di contrattazione e negoziazione finanziaria, anche se vengono definite tali anche le società commerciali di import export.

Nello specifico, si può trattare di uno o più soggetti che svolgono attività d’impresa operando nell’ambito dell’intermediazione valutaria, acquistando per conto proprio ed in maniera diretta da altri soggetti, e rivendendo ai propri clienti.

Si occupano dunque di eseguire operazioni finanziarie specialmente legate alle speculazioni finanziarie.

Il termine trading online deriva dall’inglese anche se poi col tempo è stato adottato in tutto il mondo.

Esso deriva dal verbo “to trade” che significa appunto commerciare o negoziare.

Il vocabolo trading online, sottintende pertanto dunque un significato più ristretto che indica l’attività di commercio effettuata sui mercati finanziari attraverso le piattaforme presenti online.

In pratica possiamo dire che fare trading online significa commerciare tramite strumenti finanziari sfruttando la rete e quindi le transazioni avvengono solo e soltanto online.

Ovvio dunque che si tratti di attività soggette a rischi piuttosto alti; per tale ragione bisogna conoscerle bene sopratutto se si vuole scegliere un buon broker a cui rivolgersi per effettuare le proprie operazioni forex.

E poichè le piattaforme dove fare trading online sono tantissime, appare evidente comprendere quali siano i servizi offerti da ognuna in modo da affidarsi a quella ritenuta più attendibile.

Assodata quindi la definizione delle società di forex, teniamo sempre a mente che gli aspetti essenziali da valutare per evitare sgradite sorprese, in ordine casuale, sono i seguenti:

numero di transazioni minine possibili;
convenienza del prezzo delle transazioni;
tipologia e numero di materie prime trattate;
rapporto della leva;
coppie di valute disponibili;
presenza o meno di conti demo gratis;
possibilità di formazione e supporto trader;
video tutorial forex;
guide al brokeraggio finanziario;
solidità della societa;
regolamentazione dagli organi preposti.

E quanti più punti a favore si riescono a rilevare dalla piattaforma trading e/o del broker forex scelto, maggiore sarà la tranquillità e la certezza di essersi affidati al giusto partner con cui tradare scambiando valute al fine di ottenere buoni margini di guadagno.


VOTA L'ARTICOLO:

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(32 voti - media: 9,16 su 10)
Loading...

LEGGI ANCHE: