Scelta Broker per il Forex Trading

Se hai deciso di cominciare a tradare nel forex, devi innanzitutto scegliere il giusto broker, ovvero, la società di riferimento che fungerà da intermediario finanziario permettendoti di aprire e chiudere le posizioni.

Selezione del giusto intermediario finanziario
Selezione del giusto intermediario finanziario

Tali mediatori o agenti di borsa, si occuperanno di facilitare e favorire ogni tua esigenza di trading forex.

Nello specifico, metteranno a disposizione la propria piattaforma, la formazione, l’analisi dei mercati e tutti gli strumenti necessari per la compravendita di valute.

Tipi di brokers in ambito forex

Prima di procedere con la scelta devi sapere che esistono svariate tipologie di broker, spiegate di seguito per meglio aiutarti a fare chiarezza nel settore del trading valutario.

Market maker broker

Questi tipi di broker, conosciuti anche come dealing desk broker, sono indipendenti ed il loro nome deriva dal modo in cui eseguono gli ordini dei clienti.

Generalmente propongono spread fissi ed i loro guadagni sono generati proprio da questo. Quasi sempre operano in senso opposto rispetto alla clientela, coprendo in tal modo la liquidità del mercato.

Tra i vantaggi del market maker il fatto di non avere nessuna commissione oltre lo spread, la possibilità di accedere ai mercati con un capitale ridotto, la garanzia sugli eseguiti e l’mpossibilità di andare in rosso.

A sfavore dei market maker da annoverare invece uno spread più alti rispetto agli ECN, la possibilità di comportamento fraudolento, le riquotazioni e la manipolazione dei prezzi.

No dealing desk broker (NDD)

Si tratta di un modello operativo che fornisce ai trader l’accesso diretto al mercato interbancario, procurando quotazioni dirette dai fornitori di liquidità forex.

Di solito con i NDD i prezzi non sono soggetti a requotazioni e gli spread sono abbastanza bassi  seppure variabili.

Questo permette un facile trading sul forex con una commissione minima o uno spread marginale aggiunto ai tassi.

STP broker

L’STP o Straight-Through-Processing è un’altra forma di dealing desk in cui il broker invia l’operazione direttamente al mercato interbancario per essere riempito con la migliore quotazione disponibile.

In questo caso le transazioni sono totalmente automatizzate e avvengono senza alcun intervento da parte del broker.

In genere non ci sono commissioni ma solo uno spread variabile in base al tipo di conto aperto.

ECN broker

Si tratta di un’altra variante del dealing desk in cui l’intermediario fornisce informazioni in tempo reale sullo stato di elaborazione degli ordini.

In tale circostanza ogni trader può trovare sul mercato le migliori offerte disponibili in quel determinato frangente pagando una commissione che dipende dal volume scambiato.

Piattaforma del broker

Dopo aver deciso a quale tipo di broker rivolgerti, il passo successivo consiste nel verificare che il mediatore scelto utilizzi una valida piattaforma, tenendo conto che al momento, la più affidabile in assoluto secondo la maggior parte degli esperti, è quella basata su MT4 (MetaTrader 4).

Conformità del broker

A questo punto considera anche, nella scelta di un broker, che lo stesso sia autorizzato e rispetti la regolamentazione rilasciata dagli organi preposti. Passaggio importante che ti eviterà di incappare nei furbetti di turno, che hanno l’unico obiettivo di truffare i novelli trader.

Reputazione del broker

In ultima analisi verifica anche la reputazione del broker, facendo una ricerca online all’interno della comunità degli investitori, per trovare le opinioni lasciate da chi ha già avuto esperienza con la specifica piattaforma.

Perchè se di broker ce ne sono tanti, quelli veramente affidabili si contano sulle dita delle mani e dunque saperlo a priori rappresenta il modo migliore per cominciare a fare trading nella giusta maniera.


VOTA L'ARTICOLO:

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(3 voti - media: 8,67 su 10)
Loading...

LEGGI ANCHE: