Scalping Forex

Il moderno termine scalping applicato al trading, significa portare via (scalpare) un guadagno al mercato molto velocemente.

Ed è questa l’unica vera differenza che distingue lo scalping trading dal trading tradizionale: la velocità con cui si eseguono le operazioni.

Scalping Forex
Scalping Forex

Lo scalper, ovvero chi pratica lo scalping trading, apre e chiude posizioni sul mercato che durano anche pochi secondi portando a casa (nella maggior parte dei casi) il suo guadagno quasi avesse una sfera di cristallo che gli indichi in quale verso andrà il mercato.

E ciò senza tener conto di analisi fondamentale o tecnica, notizie di mercato e quant’altro.

Lo si può considerare a tutti gli effetti una forma di trading estremo che va avanti da sè sotto forma di speculazione allo stato puro.

Questo può sembrare una pazzia a molti, i quali avvaloreranno le loro tesi adducendo che tanti scalper hanno perso in pochi secondi cifre esorbitanti.

Ma è anche vero però che molti altri scalper hanno fatto la loro fortuna applicando questo metodo.

Ovviamente tutti possono sbagliare e questo avviene anche col trading classico, ma ciò che è bene sottolineare è che gli scalper che sono riusciti a mettere a segno dei guadagni, non l’hanno fatto per pura fortuna: alla base dello scalping trading c’è comunque pratica e allenamento.

A dirla tutta in realtà la rivalità tra gli scalper e gli analisti del trading è ben maggiore ed ognuna delle due parti ovviamente sostiene di applicare il metodo migliore.

Gli scalper si vantano di eseguire le loro operazioni basandosi solo sulla lista dei compratori e venditori (il book), di fare operazioni velocissime e di guadagnare molto con il minimo rischio.

Dall’altra parte sono gli analisti che affermano al contrario di lasciare agli scalper solo le briciole del mercato, in quanto sono loro a reggere le redini del guadagno grazie alle loro previsioni ben studiate.

La verità è un altra: esistono diversi tipi di trading ciascuno dei quali è più indicato a determinati traders, ha la sua efficacia ed anche i suoi rischi.  Ad ognuno il suo!

Chiariti questi punti passiamo ora ad approfondire il discorso sullo scalping trading partendo da una semplice domanda: perchè fare scalping trading?

Il motivo principale che può spingere un trader ad avvicinarsi a questo tipo di trading è il desiderio di ottenere dei guadagni giornalieri.

Come già accennato lo scalping è un tipo di trading intraday su scale temporali che vanno da 1 a 15 minuti al massimo.

Chi pratica questo tipo di trading può aprire e chiudere anche centinaia di operazioni al giorno basando il proprio guadagno su pochi pips ad operazione.

Ovviamente per far sì che esse abbiano un senso la quantità di denaro investita in ogni operazione deve essere ben superiore al 5% del capitale.

Ma allo stesso tempo lo scalper deve essere in grado di chiudere immediatamente una posizione qualora la sua previsione sia errata, in modo da minimizzare le perdite che altrimenti sarebbero così pesanti da gettare per aria i tanti piccoli guadagni messi a punto in una intera giornata.

Giocando per bene le proprie carte uno scalper a fine giornata può tranquillamente aver guadagnato tra i 50 ed i 100 euro.

Tutto questo è realizzabile anche grazie al fatto che quasi tutti i broker non applicano commissioni per ogni operazione eseguita, ma basano il loro guadagno sullo spread; ossia sulla differenza tra il prezzo bid ed il prezzo ask di una coppia di valute o di un qualunque altro bene che tu abbia trattato; un prezzo che in realtà si aggira tra 1 e 5 pips.

Un altro dei vantaggi nel fare scalping è quello di poter operare praticamente sempre, in ogni fase del mercato.

A differenza del trader classico che dopo aver fatto le sue analisi e previsioni deve attendere il momento giusto per entrare nel mercato, lo scalper esegue le sue operazioni anche nei momenti di fase laterali, quando cioè il mercato sonnecchia tranquillamente senza prendere una direzione decisiva.

Ciò proprio per il tipo di operatività su cui si basa.

Lo scalping trading è aperto a tutti i tipi di mercato: azionario, criptovalute, ecc… , ma l’eccellenza rimane quella del Forex ossia gli scambi valutari.

La scelta del Forex è dettata dall’alta volatilità del mercato stesso delle valute, che permette di ottenere piccoli guadagni in pochi secondi o minuti.

Esistono sul mercato diversi tipi di robot per fare scalping trading in modo del tutto automatico; molti di essi sono offerti dalle piattaforme stesse su cui si farà trading, così come molte altre piattaforme consiglieranno un determinato tipo di indicatore piuttosto che un altro: Ichimoku, Bande di Bollinger, Heiken Ashi, Media mobile, Renko, MACD, ecc… , fino ad arrivare a Fibonacci ed ai semplici concetti di supporto e resistenza.

La lista potrebbe essere infinita perchè gli indicatori sono infiniti.

Qual’è tra di essi il migliore?  Tutti e nessuno ovviamente!

Il successo di un indicatore è più legato alla bravura che il trader avrà di interpretarne i segnali, che all’indicatore stesso.

Il segreto è quello di prendere pratica con essi in modo da poter scegliere quale tra i tanti è più indicato al tipo di trading praticato da te ed al modo in cui lo eserciti.

Ogni trader è una persona a sè e come tale ha una propria sensibilità che si differenzia da quella degli altri.

Il modo migliore per prendere pratica resta comunque quello del conto demo, in modo da non esercitarsi con denaro vero, ma solo virtuale.

Ciò che  possiamo consigliare a chi voglia intraprendere la strada dello scalping è di mantenere un certo controllo sul mercato, già a partire dal mattino presto all’apertura dei mercati, consultando molto spesso il Book durante l’arco della giornata.

Un momento molto importante è quello in cui si sovrappongono i mercati Europei con quello Statunitense, oltre a quello della chiusura serale (ore 22.00) del mercato Statunitense, in quanto si può avere una indicazione in generale dell’andamento del dollaro USA; indicazione che si potrà sfruttare prontamente il mattino dopo.

Il mercato infatti ha grandi fluttuazioni nelle prime ed ultime ore d’apertura e durante l’annuncio di importanti notizie macroeconomiche.

Questi dati, anche se come abbiamo detto non hanno molta importanza nello scalping trading, generano forti movimenti nel mercato di cui lo scalper può comunque approfittare.