Pivot Point: Interpretazione nel Forex dei Punti di Pivot

Vuoi sapere cosa sono e con che metodo si calcolano i Pivot Points? Leggi la nostra guida completa e scopri i più significativi indicatori quotidiani in ambito forex, in che modo calcolarli e come applicarli.

Il sistema dei punti pivot è una tecnica di analisi piuttosto diffusa che consente ai trader di rintracciare tutte le intersezioni più interessanti del mercato.

Da qui l’importanza di scoprirne in dettaglio l’uso per il trading.

Punti Pivot

Nel dettaglio, si tratta di quote ricavate dall’impiego di semplici espressioni aritmetiche, molto valide per determinare i prezzi di supporto e resistenza nel contesto preso in considerazione.

Dunque i punti pivot, risultano essere insostituibili al fine di effettuare le analisi tecniche ed avere una prospetto chiaro sulle oscillazioni di prezzo sul mercato in modo da determinare i momenti migliori per aprire o chiudere un trading di posizione.

Importanza dei Punti Pivot nel Forex

Abbiamo già spiegato che i pivot points forniscono segnali utili a rintracciare le probabili aree di supporto e resistenza nel trading a breve termine.

Di solito le piattaforme di trading generano questi calcoli matematici in modo automatizzato, rendendoli disponibili ad uso e consumo sopratutto dei trader principianti che utilizzandoli possono trarne grossi vantaggi.

Uso dei Punti Pivot

Durante una fase di trading giornaliero, i pivot points, sono quelli usati più comunemente impiegati come livelli di supporto e resistenza.

Qualora un prezzo tocchi più volte un livello senza romperlo, vorrà dire che il suo grado è piuttosto intenso.

Acclarata tale condizione, si potrà collocare il proprio ordine.

Dunque possiamo affermare che Pivot Points vengono presi in esame per definire l’andamento predominante del mercato, identificando gli essenziali livelli di supporto (Pivot Low) e di resistenza (Pivot High).

Ecco spiegata la loro utilità per comprendere come entrare nel mercato e impostare la fase di trading, ferma restando l’eventualità di una rottura, alla quale possono sempre essere soggetti.

Nel caso in cui si concretizzi un breakout si possono adottare una delle due seguenti tattiche:

strategia conservativa: consistente nell’attesa, che può rivelarsi salvifica, poichè  la possibilità di piazzare negativamente gli ordini, ben sapendo che comunque si rischia di non sfruttare l’intensità iniziale della tendenza e quindi di muoversi in ritardo;

strategia aggressiva: efficace per ottenere il massimo rendimento da un ipotetico slancio di tendenza positiva.

Come calcolare i punti pivot

Se si desidera calcolare i suddetti punti senza ricorrere a metodi automatici, occorre tenere in considerazione alcuni principi imprescindibili.

Per stabilirne esattamente il valore abbiamo bisogno dei seguenti dati: il prezzo massimo (H), quello minimo (L) e il prezzo di chiusura (C).

Il prezzo medio (Average Price=AP) si calcola utilizzando la formula (H + L + C) / 3.

 

Impiego dei Pivot Points come segnali operativi

I Pivot Points vengono usati anche dai trader più smaliziati, come segnali operativi, ovvero come rilevatori che aiutano a capire se comprare o vendere, anche tenendo in conto le opinioni che i partecipanti nutrono nei confronti di un asset.

Sono utili inoltre per comprendere, tenere sempre sotto osservazione il grafico, l’insieme delle opinioni che i partecipanti nutrono nei confronti di un asset, rivelando se i trader si muovono verso la vendita o verso l’acquisto.