Operare nel Forex

Operare nel forex proficuamente ottenendo buoni risultati in termini di guadagno, dipende da diversi fattori. Questo spiega il perchè, mentre alcuni riescono a fare soldi col trading facilmente, ce ne solo molti di più che invece vanno quasi sempre in perdita.

Operare nel Forex
Come Fare Forex

Vuoi sapere da cosa scaturiscono queste differenze? Lo scoprirai continuando a leggere questo articolo.

Elementi che influenzano il forex

Partiamo con l’elenco dei fondamenti essenziali, spesso sottovalutati, che invece un trader, sopratutto agli esordi, dovrebbe tenere bene in mente prima di iniziare a investire nello scambio di valute.

  1. conoscenza dell’argomento: alla base del trading, come in qualsiasi altro settore, c’è uno studio preliminare, indispensabile per capire le dinamiche che lo regolano, il funzionamento e le tecniche più efficaci da mettere in pratica;
  2. periodo di trading: prima di iniziare ad investire tradando, un’altra regola base che non si dovrebbe mai trascurare consiste nel cominciare ad allenarsi ricorrendo ai conti di prova, offerti gratuitamente da tutte o quasi le piattaforme di forex online, che permettono di scommettere senza usare soldi veri;
  3. scelta della piattaforma: una volta acquisite le basi del forex e dopo aver trascorso un periodo di esperimenti sui conti demo, il passo successivo consiste nella scelta del broker finanziario che non necessariamente deve essere quello impiegato per fare i test. Deve essere sicuro, affidabile e sopratutto autorizzato e regolamentato dalla Consob. Questo permette di avere la massima garanzia sul fatto che i soldi depositati e quelli guadagnati sono al sicuro.
  4. convenienza della piattaforma: il broker scelto, oltre che sicuro, deve essere anche conveniente. verifica dunque, prima di fare la tua scelta, che applichi spread molto bassi, bonus elevati e proponga inoltre servizi aggiuntivi.

Come operare nel forex

Se per operare nel forex con successo occorre prima di tutto seguire i suggerimenti sopra indicati, bisogna poi tenere bene in mente che il giusto approccio mentale è quello che poi fa la differenza tra un trader di successo e un investitore perdente.

Dunque non confondere mai il forex con il gioco, poichè in ballo ci sono soldi veri e il rischio di mandare in fumo il proprio capitale è sempre in agguato.

Per tale motivo sono indispensabili nervi saldi, concentrazione e disciplina che, affiancati ad una corretta gestione del capitale e alle giuste strategie, consentono gradualmente di guadagnare cifre ragguardevoli.

Apertura e chiusura posizioni

Arrivato a questo punto, se hai già effettuato tutto l’iter precedentemente spiegato, sei pronto per iniziare a tradare.

Scegli in primis la coppia di valute con le quali intendi operare, intercetta la tendenza (segnali di trading) dando un’occhiata al grafico che trovi dentro ogni piattaforma, poi decidi se aprire al rialzo (posizione long) o al ribasso (posizione short).

Ipotizzando di aver scelto la coppia valutaria EUR/USD, se prevedi che l’Euro si rafforzerà sul dollaro, sceglierai l’ordine LONG, se invece prevedi un indebolimento dell’euro sul dollaro sceglierai l’ordine SHORT.

A questo punto la posizione scelta resterà aperta finchè non deciderai di chiuderla.

Attenzione anche ad un altro aspetto: ricordati sempre di impostare uno stop loss altrimenti, se non disponi di sufficiente capitale e l’andamento della posizione non va nella direzione ipotizzata,  verrebbe chiusa automaticamente dal broker per auto tutelarsi, non prima di averti chiesto un nuovo deposito.

Nella migliore delle ipotesi, se il broker non permette posizioni debitorie, chiude comunque la posizione automaticamente.

Quando chiudere un trade

A questo punto sicuramente ti starai chiedendo: quando è il momento giusto per uscire dal mercato?

Devi sapere  che la causa maggiore di fallimento dei trader è quella di tenere aperta la propria posizione anche quando il mercato si muove al contrario rispetto alle previsioni.

E anche se ritardi l’uscita da una posizione in profitto, può accadere che il prezzo storni, riducendo se non eliminando del tutto l’eventuale guadagno.

Dunque, in linea di principio, il momento migliore per uscire da una posizione è quando non ha più senso tenerla aperta.

Più nel dettaglio, se vuoi operare nel forex proficuamente, quando il trend sembra esaurito o quando comincia a manifestare cenni di inversione, quello è il frangente più appropriato per uscire da una determinata posizione.


VOTA L'ARTICOLO:

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(5 voti - media: 8,40 su 10)
Loading...