Investire in Oro

Investire in oro in modo affidabile ed efficiente si può, attuando le migliori strategie per guadagnare, sia che il prezzo del prezioso minerale salga oppure scenda.

Ecco dunque come imparare ad investire in oro e a guadagnare attraverso tecniche ben testate ed estremamente sicure.

Investire in Oro
Potenzialità degli Investimenti Auriferi

Essenzialmente ci sono due diversi strumenti per speculare sull’elemento aurifero: l’investimento in oro fisico e l’investimento in oro finanziario.

E ciascuna delle tipologie di capitalizzazione, a differenza di quanto si possa credere, differisce dall’altra, seppure entrambi ugualmente efficaci.

Per avere un’idea basta dare un’occhiata alle quotazioni oro forex.

Occorre però premettere una cosa: sia l’investimento in oro fisico che l’investimento in oro finanziario, presentano opportunità ma anche svantaggi.

Vediamo dunque quale investimento aurifero scegliere in base alle esigenze soggettive.

Investire in oro fisico

Precisazione doverosa: gli investimenti in oro fisico non riguardano in alcun modo i gioielli poichè, il loro valore, oltre a quello dell’oro contenuto, è dato anche dai costi di  lavorazione, al brand e ai costi relativi al marketing.

Quindi sarebbe tutt’altro che conveniente per un affarista sperare di vederne aumentato il valore nel corso del tempo.

Per tale ragione i grandi investitori in oro fisico puntano esclusivamente sulle monete e sui lingotti.

Investire in monete d’oro

Sono numerose le monete d’oro sulle quali è possibile investire, poichè queste vengono emesse e coniate dagli Stati di tutto il mondo, fin dai tempi antichi.

Basti pensare che la loro storia risale all’antica Lidia, ovvero intorno al 600 a.c.

Da allora in poi, sono state riconosciute come moneta a corso legale finchè, nel secolo scorso, si è deciso di passare a quello che è ancora oggi un sistema economico completamente slegato dal metallo pregiato, ovvero, pagare beni e servizi impiegando le banconote.

Dunque attualmente, il valore di una moneta d’oro, è dato dalla sua equivalenza di mercato che considera 3 fattori: prezzo corrente dell’oro, quantitativo di oro puro contenuto nella moneta e costo applicato dal rivenditore per il suo guadagno (spread).

Da tener presente che i costi applicati dal rivenditore, saranno tanto maggiori quanto più piccolo è il taglio delle monete acquistate.

Purezza dell’oro monetario

Le monete d’oro da investimento, disponibili dal peso più svariato, talvolta non sono totalmente pure; questo perchè possono essere composte anche da altri metalli.

In tal caso la sua purezza viene misurata in carati o millesimi, ovvero, ricorrendo all’unità di misura che indica quanto oro c’è in un oggetto.

Quindi l’oro puro viene definito tale se la sua presenza è pari a 999,9 millesimi.

Fatte le dovute precisazioni, è bene sapere che si può investire in oro anche con capitali minimi, di poche centinaia di euro.

Investire in lingotti

Come precedentemente accennato, si può investire in oro anche acquistando lingotti che sono puri e che come le monete, ci sono di diversi pesi (anche di pochi grammi) e grandezze proprio per andare incontro ai piccoli investitori.

Investire in oro finanziario

L’investimento in oro finanziario consiste nella speculazione finalizzata a guadagnare in base al movimento del prezzo dell’oro fisico, senza però di fatto comprare oro fisico.

E se può apparire più pratico, c’è da dire che l’investimento in oro finanziario evidenzia dei rischi assenti nell’investimento in oro fisico.

Di seguito gli strumenti più usati da chi decide di investire in oro finanziario.

Investire in ETC/ETF sull’oro

Occorre innanzitutto evidenziare la differenza tra gli ETC sull’Oro e gli ETF sull’Oro: i primi sono principalmente disponibili nei paesi europei (exchange traded commodity), mentre fuori dall’Ue, la regolamentazione svizzera permette il lancio di ETF sull’Oro.

Investendo in questi fondi, si può guadagnare o perdere in base a quanto aumenta o diminuisce il prezzo dell’oro.

C’è da considerare però che, siccome l’oro è quotato in dollari statunitensi, i risultati ottenibili dai propri investimenti sono legati anche all’andamento del cambio Euro/Dollaro, aspetto che comunque vale anche quando si investe in oro fisico.

In poche parole, quando il Dollaro Usa si apprezza sull’Euro, l’investimento in oro è profittevole, mentre se è l’Euro ad apprezzarsi sul Dollaro, il rendimento cala.

L’aspetto è da considerare se si investe nel breve termine, mentre invece nel lungo periodo non c’è da preoccuparsi perchè, le fluttuazioni valutarie, storicamente, non hanno mai impattato considerevolmente sul rendimento finale.

Futures sull’oro

In generale, i Futures sono degli strumenti derivati molto conosciuti e diffusi, così chiamati proprio perchè derivano da una materia prima sottostante, in questo caso l’oro.

I futures sull’oro nello specifico sono dei contratti finanziari acquistabili in Borsa, attraverso cui investire sul prezzo del suddetto elemento aurifero.

Con questi contratti si può aprire una posizione long quando si pensa che il prezzo dell’oro salirà, oppure una posizione short se si crede che il prezzo dell’oro andrà verso il ribasso.

E se le previsioni saranno esatte, non ci sarà una consegna fisica dell’oro guadagnato, bensì il suo valore sarà liquidato in denaro.

Ti stai chiedendo se vale la pena investire nei futures sull’oro? La risposta è: dipende!… dalla conoscenza dello strumento e dall’esperienza sui mercati.

Opzioni sull’oro

Le opzioni sono anch’esse una tipologia di derivati; nello specifico quelle sull’oro, conferiscono a chi le possiede il diritto di commercializzare un determinato quantitativo aurifero, ad uno specifico prezzo ed entro una specifica data.

Sostanzialmente, fare trading con opzioni binarie sull’oro, vuol dire prevedere correttamente la direzione che prenderà il suo prezzo.

Per fare un’ipotesi esplicativa, immagina di comprare opzioni sull’oro ad un determinato prezzo x, che viene definito premio. In questo caso si parla di opzioni call.

Se alla scadenza il costo della preziosa sostanza sarà aumentato arrivando alla cifra y, rispetto all’importo pagato nel momento dell’acquisto, potrai obbligare la controparte che ti ha venduto le opzioni, a venderti un quantitativo di oro al tuo prezzo x (strike price), ottenendo un guadagno pari alla differenza.

Nel caso invece di opzioni put, il meccanismo funziona al contrario, ovvero, si guadagna se il prezzo dell’oro scende.

Suggerimento per chi vuole fare trading su opzioni binarie in oro: posizionarsi sempre a favore del trend e non cercare di strutturare le inversioni di tendenza, che possono rivelarsi altamente rischiose e complesse da individuare.

Acquisto azioni aurifere da società minerarie

Un’ultima metodologia per investire in oro consiste nell’acquisto di azioni di società minerarie che si occupano di estrazione dell’elemento aurifero.

La giusta scelta, può portare ad un cospicuo incremento del capitale che può superare di molto anche il prezzo anche  il prezzo dell’oro stesso.

A determinarne il valore contribuiscono numerosi fattori, tra i quali: la diffusione geografica dei progetti minerari, i costi della società, i margini, la redditività, la solidità del bilancio, il debito e la qualità della gestione.

Per chi investe in piccolo, l’acquisto di titoli di società minerarie è un’opportunità che può rivelarsi altamente proficua, tenendo ben in mente che però bisogna sempre procedere con le dovute cautele e questo richiede uno studio delle società, analizzandone i numeri, cosa che richiede un minimo di esperienza in ambito finanziario.

In conclusione, investire in oro può rivelarsi altamente redditizio, poichè, come la storia insegna, è un bene rifugio che aiuta a ripararsi dalla discesa dei mercati finanziari, sopratutto nei periodi di incertezza politica ed economica.


VOTA L'ARTICOLO:

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(6 voti - media: 8,00 su 10)
Loading...

LEGGI ANCHE: