I Market Movers nel Mercato Forex

Parleremo in questo articolo di ciò che fa muovere il mercato, dando una direzione al trend, incidendo sul grafico di un asset e sull’analisi fondamentale: i Market Movers.

Market Movers
Market Movers

Per dare una definizione più precisa possiamo dire che i Market Movers sono tutti quei fattori che incidendo sulla formulazione dell’analisi fondamentale danno una direzione al mercato.

Dietro questa definizione così tecnica si nasconde con una semplicità disarmante il significato: notizie di mercato.

Ho più volte accennato all’importanza di consultare un calendario economico (su internet ce ne sono tanti) per cercare tutte quelle notizie economiche, politiche e finanziarie che hanno a che fare con un determinato Stato prima di investire su un determinato asset.

Per vedere quanta influenza hanno queste notizie a livello grafico, basta vedere gli impennaggi che seguono la pubblicazione di un certo dato o la dichiarazione di quel Presidente ecc…

Si noterà che nei minuti a seguire e soprattutto nel primo o secondo minuto, il grafico sembra impazzito: sale vertiginosamente per poi precipitare e quindi riprendere a salire.

Se si acquisisce una certa pratica di lettura e di interpretazione si può anche pensare di investire proprio in quei momenti, con le opzioni binarie a 60 secondi.

Personalmente ho più volte seguito questa tecnica portando a casa discreti guadagni, ma attenzione: è molto rischiosa, proprio perchè il mercato è altalenante.

Molto utile sarebbe esercitarsi a lungo con un conto demo prima di provare questa tecnica in reale.

Tipi di Market Movers

Ma torniamo a noi; dalla definizione data prima, possiamo quindi raggruppare i Market Movers in tre gruppi principali:

  • Indicatori economici (dati e statistiche che parlano dell’andamento dei vari settori dell’economia di un paese, tipo: prodotto interno lordo, mercato del lavoro, settore immobiliare ecc..);
  • Indicatori finanziari (ossia tutte quelle notizie che riguardano l’attività delle banche centrali, dall’andamento dei tassi di interesse all’inflazione, ecc.);
  • Fattori politici (qualsiasi evento politico che influisca sulla  routine di un Paese può  determinare l’andamento dei mercati. Ad esempio le Elezioni Presidenziali negli Stati Uniti sono sempre un market mover molto importante che ha i suoi effetti non solo sul dollaro ma anche su valute di altri Paesi).

In base a ciò che queste notizie e questi dati riporteranno (se buone o cattive notizie), i trend prenderanno direzioni ben precise.

Esse cioè influenzeranno direttamente la nostra analisi fondamentale aiutandoci a prendere la nostra decisione cruciale: entrare adesso nel mercato?  Oppure attendere che quest’influenza passi e quindi investire successivamente?

Dare una giusta interpretazione a questi dati non è tanto facile e non è sempre così scontato.

Faccio un esempio: poniamo il caso che in un determinato periodo storico la politica finanziaria Europea sta andando male mentre quella statunitense sta andando benissimo, il tutto rafforzato e confermato dalle news del calendario economico.

A questo punto ci si aspetterebbe in teoria che il dollaro prenda il sopravvento sull’euro e quindi si sarebbe tentati di agire di conseguenza, ma non è detto che le cose vadano così.

Ricordo un anno in cui il marco tedesco (prima che fosse coniato l’Euro) che fino ad allora si era sempre tenuto basso nei confronti della lira italiana, prese il sopravvento con i tassi di cambio.

Beh, a guadagnarci doveva essere la Germania almeno in apparenza ed invece l’economia italiana giovò di un alta presenza di turisti tedeschi che avendo grossi benefici col cambio venivano a passare le loro vacanze in Italia.

Allo stesso tempo la Germania rilevò una grossa perdita nel settore turistico.

Con questo voglio solo far capire che nell’Economia è tutto collegato e bisogna andare a fondo nelle cose per essere certi di poter fare la scelta giusta, anche con i market movers.