Grafici Forex: Come Interpretarli

Tra i tanti strumenti forex, uno dei più validi per comprendere l’andamento delle valute, seppur di non facile apprendimento, è rappresentato dai grafici. Per meglio comprenderne i meccanismi è indispensabile spiegare i principi base che li regolano.

Infatti solo imparando ad interpretarli correttamente si può arrivare a fare delle analisi mirate al fine di riuscire a investire nel trading in maniera proficua.

Partiamo col dire che i grafici forex, essenzialmente di 3 tipi (lineare, a barre e a candela), possono essere definiti una sorta di rappresentazione visuale che indica, in un lasso di tempo predeterminato (nell’asse orizzontale) ù, il prezzo (nell’asse verticale) e dunque l’andamento del valore di una valuta.

Grafici Forex
Grafici Forex Utili nel Trading

Possono essere impiegati sia per fare analisi su lassi di tempo brevi oppure a medio o lungo termine, impostando una tra le più frequenti variabili temporali a seconda delle proprie esigenze: intraday, daily (giornaliere), settimanali, mensili, trimestrali oppure annuali.

Grafici Lineari: detti anche o a linea (in inglese line chart) impiegano essenzialmente i prezzi di chiusura dunque adatti sopratutto alla visualizzazione dei dati corrispondenti a molti anni.

Riportano però soltanto informazioni base (non mostrano le oscillazioni nel corso di ogni singolo giorno), quindi non consentono di verificare i prezzi intermedi dei cambi di valuta.

Possiamo dunque affermare che i grafici lineari forex servono solo ad avere un’idea generica sulla fase in cui si trova il mercato preso in esame, ovvero: trend laterale, rialzista o ribassista.

Questo perchè sono privi di massimi e minimi raggiunti dal prezzo e del valore di chiusura ed apertura del prezzo.

I grafici a barre (bar chart) forniscono dei dettagli in più, ovvero una visione d’insieme dell’andamento generale, poichè permettono di sottoporre ad attenta valutazione ben 4 tipologie di parametri di una determinata coppia di valute: i prezzi di apertura, quelli massimi, quelli minimi e quelli di chiusura di ogni periodo.

Questo strumento è indicato in special modo per tutti i trader che sono soliti operare mantenendo aperte per poi chiudere le posizioni in giornata (day trader) oppure in un arco di tempo settimanale (swing trader).

Nei grafici a barre la piccola linea orizzontale sulla sinistra rappresenta il prezzo di apertura, la parte superiore della linea verticale il prezzo più alto del periodo di tempo impostato, la parte inferiore della linea verticale il prezzo più basso sempre di quell’arco temporale, la piccola linea orizzontale sulla destra indica il prezzo di chiusura.

Passiamo ora ai grafici a candela (detti anche candele giapponesi oppure candlestick) che sono anche quelli più utilizzati perchè forniscono molte più informazioni e sono anche piuttosto semplici da comprendere.

Tale grafico già in uso nel 18° secolo in Giappone, all’epoca impiegato per studiare l’andamento del prezzo del riso, si rivela efficacissimo ancora oggi per fare un’eccellente analisi tecnica e moltiplicare le probabilità di investire nel trading in maniera profittevole.

Il suo punto di forza è rappresentato dalla capacità di fornire un gran numero di informazioni aggiuntive se paragonato alle altre due tipologie di rappresentazioni grafiche precedentemente indicate.

Non a caso le candele giapponesi sono ritenute dalla maggior parte dei traders le migliori in assoluto proprio per via della loro completezza.

Dunque moltissimi i dati che si possono estrapolare, in maniera maggiormente chiara ed approfondita rispetto ai grafici lineari o a barre, ragion per cui si considerano una sorta di fusione tra i due: quote di apertura e chiusura del prezzo di una sessione di contrattazioni (real body) ma anche i livelli massimi e minimi raggiunti dal prezzo in quel determinato time frame.

Praticamente evidenziano indicazioni ad alta affidabilità riguardo la prosecuzione di un trend nel breve e medio termine.

In conclusione, imparando a conoscere i grafici forex ed assimilandone le figure principali, si può riuscire gradualmente a migliorare gli investimenti ed aumentare i guadagni.


VOTA L'ARTICOLO:

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(15 voti - media: 9,33 su 10)
Loading...