Forex in Italia: Informazioni Utili

Forex Italia, un modo di dire sempre più frequente che sta ad intendere l’opportunità di acquistare e rivendere valute anche nel nostro paese. Una valida possibilità di crearsi una rendita propria, lavorando comodamente da casa, utilizzando un computer connesso ad internet.

Questo grazie all’opportunità ormai offerta dalla maggior parte delle piattaforme di trading, di aprire un conto online ed in maniera facile e veloce.

Dunque, una volta scelto l’intermediario finanziario a cui rivolgersi, occorre registrarsi e fare un deposito anche minimo, per poi iniziare ad operare.

E poichè ce ne sono svariati anche nell’ambito del forex italiano, basta scegliere quello ritenuto più attendibile o comunque adeguato alle singole esigenze.

Forex Italia
il Trading Forex in Italia

Importante però valutare con attenzione le singole proposte: i bonus disponibili, l’operatività, la velocità di esecuzione, il numero di coppie di valute trattate, l’affidabilità della piattaforma.

Se a questo punto ti stai quanto sia legale fare trading forex in Italia con operatori stranieri, sappi che ciò è possibile a patto che dispongano delle dovute autorizzazioni ed abbiano una stabile organizzazione entro i confini nazionali.

Al contrario, se il broker di Forex Italia ha la sua sede dislocata in uno dei paesi UE, si applicano le regolamentazioni comunitarie, dunque anche in tal caso non ci sono limitazioni di sorta poichè vale il principio della libera circolazione di persone, capitali, beni e servizi, dunque pienamente nei diritti di un cittadino italiano.

E se si dovesse aprire un conto Forex Italia presso un broker extra UE, la normativa di riferimento resta quella italiana, ovvero, libera esportazione di capitali anche verso paesi non UE, purché non si superino i limiti prefissati per ogni operazione di invio di denaro, che si attestano a 10 mila euro.

Tale cifra in determinate circostanze potrebbe variare, dunque vale la pena eventualmente informarsi prima di inviare o ricevere denaro. Sarà il broker a provvedere al prelievo delle imposte fiscali previste sui guadagni da operazioni finanziarie, anche se prodotti all’estero, eventualità in cui i proventi sul Forex Italia saranno sottoposti al regime fiscale del luogo dove opera il broker.