Copy Trading: Cos’è e Come Funziona

il copy trading in un certo senso, fa parte della stessa categoria relativa al trading meccanico di cui abbiamo già parlato in precedenza, anche se merita di essere analizzato a parte.

Conosciuto anche come mirror trading, il copy trading  sta prendendo piede anche qui in Italia grazie anche ai social, luogo virtuale in cui gli amanti del trading pubblicano i risultati (molto spesso solo quelli vincenti evitando invece di inserire anche quelli perdenti) straordinari raggiunti da quello piuttosto che da quell’altro gruppo di trader che sembrano muoversi all’unisono.

Copy Trading
Copy Trading

Nel senso che tutti sembrano aver fatto una specifica operazione in quel determinato modo ed aver ottenuto quel preciso guadagno.

Ed allora il nuovo “adepto” viene a sapere che esiste un software da scaricare grazie al quale si copieranno meccanicamente le operazioni da fare da qualche guru della finanza.

Ora non vorrei essere frainteso: non sto demonizzando questo sistema; ritengo che sia uno strumento utile, soprattutto per chi si trovi alle prime armi e non abbia ancora l’esperienza e la preparazione tali da poter operare da solo.

Quello che però intendo dire è che molto e forse troppo spesso si tratta di pura pubblicità effettuata in realtà da qualche piattaforma di trading che ha tutto l’interesse ad acquisire nuovi trader (anche “gonfiando” un po’ la cosa).  Anche i più grandi guru della finanza o del mondo del forex sbagliano ed hanno delle perdite: questo dobbiamo sempre tenerlo presente.

Detto questo comunque nulla ci vieta di scaricare questo benedetto software; il copy trading può essere utile anche ai trader più esperti da essere utilizzato per diversificare i propri investimenti.

Per il resto il funzionamento è molto simile al trading meccanico: bisognerà impostare determinati parametri come ad esempio quali segnali ricevere, da chi o da quale piattaforma di trading,  quali perdite siamo disposti a subire ed anche quali guadagni.

E, così come per il trading meccanico, anche con il copy trading possiamo addirittura non accendere proprio il nostro pc e automatizzare il tutto, essendo comunque sicuri che tutto ciò che ha a che fare con versamenti, prelievi, ecc… sul nostro conto trading resta di nostra completa ed unica competenza.

Nessun altro potrà in qualche modo mettere le mani sul nostro gruzzoletto.

Una volta deciso di addentrarsi nel “social trading” si potrà trovare e scegliere:

  • i migliori trader  tenendo conto di diversi elementi come i  feedback in quanto proprio come avviene nei siti di e-commerce, anche nel copy trading si possono inserire delle recensioni in un’apposita sezione;
  • il  numero dei followers (ossia da quante persone è seguito);
  • i guadagni ottenuti fino a quel momento;
  • valutare i mercati su cui opera (se in obbligazioni o azioni,  su forex o opzioni binarie o anche in più mercati).

Un fattore molto importante è anche il volume di denaro investito, grazie al quale possiamo scegliere quale tra tutti è il trader che si avvicina di più alle nostre esigenze.

Tutti questi dati non danno comunque la certezza di  aver scelto il genio della lampada del forex, in quanto nessuno ci assicura che i risultati positivi ottenuti in passato siano matematicamente ripetibili o che siano la norma dell’andamento dei suoi investimenti.

Nel mondo del forex nulla è sicuro e nulla è scontato: ricordiamocelo.

Sarebbe una buona norma comunque scambiare idee, informazioni, conoscenze; confrontarsi insomma con altri trader iscritti al social senza fare investimenti  almeno all’inizio, in modo da poter sondare per bene la situazione e partire con i conti demo messi a disposizione in modo da fare pratica, e solo dopo aver preso padronanza con questi strumenti passare al denaro vero.

E sempre senza esagerare.